iBan IT09P0760105138219884219887

Ritorna il vino antico

Sharing is caring!

Le antiche civiltà greche ,romane ,egizia ,consumavano il vino ma non era lo stesso vino che abbiamo oggi ,molte ricerche ,infatti dimostrano che  il vino antico, quello di 3 mila anni fa, era tutt’altro che una preparazione rudimentale.  Recenti studi invece adesso svelano qualcosa in più e raccontano sulle abitudini dei nostri antenati: a sorpresa scopriamo che i loro vini erano elaborati in modo raffinato.

Il vino non era il prodotto della semplice fermentazione dell’uva, ma era aromatizzato con miele, resina, olio di cedro, ginepro, menta, cannella e bacche profumate. E non solo: i residui ritrovati mostrano che i vignaioli di un tempo amavano sperimentare, infatti un gruppo di vasi non contiene tracce di aromi, un altro ne ha solo alcuni e un altro ancora ne ha diversi mix.

Durante una stagione di scavo nel 2013 del Progetto Archeologico Kabri; Tel Kabri è un sito di 34 ettari situata nella Galilea occidentale della moderna Israele, a cinque chilometri ad est di Nahariya li  si è materializzata una rara opportunità  quaranta serbatoi di stoccaggio di grandi dimensioni sono stati trovati in situ in una stanza chiusa situata ad ovest del cortile centrale all’interno del palazzo di età del  Bronzo Medio cananea. Un programma completo di analisi biologica dei residui ora ha rivelato che tutti i vasi relativamente uniformi contenere prove per il vino.

vino

Lo studio è molto accurato ha dimostrato come il vino non era il prodotto della semplice fermentazione dell’uva, ma era aromatizzato con miele, resina, olio di cedro, ginepro, menta, cannella e bacche profumate. E non solo: i residui ritrovati mostrano che i vignaioli di un tempo amavano sperimentare, infatti un gruppo di vasi non contiene tracce di aromi, un altro ne ha solo alcuni e un altro ancora ne ha diversi mix.

 

Ad Agrigento l’associazione Culturale The Phoenicians organizza  eventi, menù storici turistici,e fanno  Archeologica Gastronomica Sperimentale da loro si può assaggiare Vino Fenicio Bio
Vino biologico prodotto ad Agrigento secondo i metodi tradizionali dei nostri nonni e aromatizzato come si faceva in antichità. vino fenicio
Dai profumi intensi e di alta gradazione alcolica, è ottimo anche diluito con acqua.
E’ disponibile per la degustazione durante gli eventi del progetto di gastronomia antica Archeo Cuisine. dell’associazione culturale The Phoenicians.

Info www.facebook.com/archeocuisine/

In Sicilia il vino sin dall’antichità ha avuto un ruolo importate ,come dimenticare la leggenda di Polifemo ubriacato da Ulisse ? Il vino antico ha avuto sempre un ruolo di primo piano e molte sono state le varianti del vino che conosciamo oggi .

Il Vino Cotto 

Nella tradizione contadina il vino cotto è  stato considerato anche un prodotto quasi terapeutico.Le mamme, ad esempio, lo usavano per mavino cottossaggiare la pelle dei neonati. Ma un bicchiere di ‘cotto’ andava bene per un po’ tutti i malanni”.

Oggi  viene utilizzato  per fare dolci e per accompagnare altri cibi e quasi mai sfuso .

I mustaccioli siciliani sono fatti con vino cotto , la tradizione vuole che il vino sia cotto nei pentoloni di latta  con legna di mandorlo ,il fumo penetra nel vino e gli conferisce un gusto particolare .

 

 

 

 

Riferimenti :

http://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0106406#references

 

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *